VINTAGE BAKERY // La Cupcake Boutique di zona Isola

photo 1 (2)

E’ così che inizio questa settimana, con un’altra novità per il blog (si un’altra 🙂 )! Voglio farvi conoscere i posti che visito non solo dicendo se si mangia bene o male, se si spende tanto, com’è il servizio.. ma cercando sempre di fare delle mini interviste ai proprietari (dove sarà possibile) e svelarvi curiosità e retroscena di questo mondo zuccheroso.

Iniziamo con una Bakery di Milano a cui sono molto affezionata in quanto la proprietaria, Christina, oltre che ad essere una fantastica pastry chef è anche un’amica con cui scambiarsi consigli golosi!

Vintage Bakery io la definirei la Cupcake Boutique del quartiere Isola, una zona caratterizzata da negozietti di abiti (e non solo) vintage. Christina è di origini franco-venezuelane con papà di New York, è laureata in Industrial Design e la passione per la pasticceria l’accompagna sin dalla sua infanzia. E’ cresciuta negli Stati Uniti ed ha vissuto in giro per il mondo così da avere la possibilità di acquisire conoscenze sulle varie tradizioni culinarie, in primis ovviamente quella statunitense (da qui le sue ricette 100% Made in USA).

L’ambiente è accogliente e appena entrati è impossibile non notare l’esclusivo bancone stracolmo di meravigliosi cupcakes. I gusti sono infiniti e a fianco ai grandi classici come vaniglia, cioccolato, red velvet e carota, si affiancano proposte un po’ più ricercate come pistacchio, tè verde, cappuccino, rosa, lavanda, frutto della passione, lampone e cocco, oreo e tanti altri! (Io vado letteralmente matta per quello alla carota, Chris aggiunge un mix di spezie che si sposano benissimo con la base e il cheese frosting..ovviamente ricetta inconfessabile).

2012-12-28 17.08.51

IMG_2006

photo 4

All’interno di Vintage Bakery l’amore per la pasticceria viene espressa ogni giorno anche attraverso brownies, cheesecake, dolci e biscotti americani. Si possono gustare accompagnati da un caffè americano o da una spremuta, ma la particolarità sono sicuramente le tisane ed infusioni biologiche scelte accuratamente e proposte nei gusti più svariati.

photo 3

Qualche domenica fa sono andata con un mio amico a fare il brunch.. io che sono hamburger dipendente ho apprezzato tantissimo il pane fresco fatto da Chris. E’ proprio tutta un’altra cosa! Molto soddisfatta.

photo 2

Ma ora direi di conoscere meglio Chris 🙂

 1. Cosa ti ha spinto ad aprire Vintage Bakery?
Dopo essere diventata mamma, ho scoperto che la mia passione più profonda era stare ai fornelli e che fare sperimenti in cucina non solo mi piaceva, ma mi divertivo come una bambina! Il meglio è stato quando ho iniziato ad ottenere ottimi consensi e ammirazione da parte degli amici, il tutto seguito da una lista infinita di richieste. Tutto questo mi ha spinto a realizzare il business plan e a partire con il progetto vero e proprio di Vintage Bakery.
 
 
2. Com’è la “vita da laboratorio”? Hai qualche segreto o aneddoto che vuoi raccontare?
Adesso avendo un laboratorio piccolo ed un unico punto vendita posso permettermi di gestire il lavoro come meglio credo, di proporre ai clienti sempre prodotti freschi e diversi di settimana in settimana. La vita del Lab è divertentissima perchè balliamo, cantiamo, inforniamo e scherziamo tutto il tempo, il laboratorio è molto è dinamico e spassoso, siamo tutte donne ormai anche amiche, per cui è sempre una festa, anche quando c’è pandemonium di clienti nel fronte del negozio!
 
 
3. Oggi la pasticceria americana ha preso il sopravvento in Italia, essendo tu “molto internazionale”, qual è la tua opinione in merito?
Era ora!!!!!! L’Italia non è solo bella, ma ha una tradizione culinaria fortissima. Il cibo italiano è il migliore e il più buono al mondo (se mia nonna francese dovesse sentirmi mi toglierebbe il cognome!), ormai il mondo si sta globalizzando, i giovani hanno una mentalità aperta a nuove cose e il cibo americano non è solo fast food, anzi, ci sono delle ricette che richiedono preparazioni molto lente e soprattutto sono salutari, non è tutto grasso come si pensa. L’italiano giovane ormai viaggia, inizia presto facendo gli Erasmus, per cui la pasticceria americana sta iniziando ad entrare nel cuore degli italiani, non solo perchè è bella e va di moda, ma soprattutto perchè quando è fatta con amore (come la nostra) è molto molto buona!
 
 
4. Com’è la clientela della bakery? Italiana o anche internazionale? 
Siamo in Italia, per cui devo dire che è più che altro italiana, ma non c’è un singolo giorno che non entri in negozio una persona straniera che ci parli in inglese o in altre lingue. Abbiamo inoltre una grande clientela fedele e costante di americani, inglesi e indiani.
 
 
5. Ultima domanda, promesso. Il tuo dolce preferito e quello che ti esce meglio.
Il mio dolce preferito è la mousse al frutto della passione, ma purtroppo qui non riesco a trovarli veramente freschi, quindi non la preparo mai. Adoro anche la meringa di goiaba, un altro frutto (brasiliano) che non trovo, è molto acido ma delizioso, di conseguenza stessa fine della mousse. Di quelli che vendiamo in bakery sono fedele alla cheesecake di mia mamma, seguita dalla carrot cake e dalla red velvet senza dimenticare i biscotti di RON, con avena, uvetta e noci. Non chiedermi cosa mi esce meglio perchè non sono modesta con la mia cucina 🙂 ! Però posso dirti che i bagel sono quelli che mi hanno fatto dannare di più, ma ormai è un’arte che ho imparato bene.. provare per credere!
 
Vintage Bakery 
Via Tahon di Revel davanti al civico 21
Milano
T. 02 9920 3619
E. info@vintagebakery.it
 
photo 1
 
 
photo 2 (2)
 
 
photo 3 (2)
 
 
photo 3
 
 
photo 4 (2)
 
 
photo 4
 
 
 
 
cropped-mcc-logo_righe-png1.png
Advertisements

2 thoughts on “VINTAGE BAKERY // La Cupcake Boutique di zona Isola

Cupcake comment...

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s